P.E.N.
(Poets, Essayists, Novelists)


Il Pen afferma:
La letteratura, se conosce nazioni, non conosce frontiere e gli scambi letterari devono restare del tutto indipendenti dalle vicende della vita politica dei popoli...

Ultime Notizie

13/06/2014
Rivista 26-27
numero doppio: gennaio-giugno 2014
28/05/2014
Il Giappone e l'invenzione del romanzo
29 maggio 2014, ore 18, Circolo della Stampa, Torino

Magazine articles

1914: would war have been avoided if Lev Tolstoj had been alive?
Atoda: the writer’s voice for the environment
Born after the bomb blast in Manchuria

Alcuni associati

Alberto Arbasino Evgenij Evtushenko
Jesper Svenbro Umberto Eco

Come associarsi?

Sono due le formule di associazione al Pen club italiano Onlus:
  • Soci ordinari
  • Amici del Pen
Leggi tutto >>

Sostegno scrittori perseguitati

Uno degli scopi istituzionali più importanti dell’International Pen club italiano Onlus è la tutela della libertà d’opinione degli scrittori e la difesa dei diritti umani nel momento in cui i regimi totalitari vanno ad infrangere la norme fondamentali della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo (art.19).
A tutela delle libertà fondamentali, in ambito Pen club italiano Onlus sono stati costituiti i Comitati scrittori in prigione, denominati Writers in Prison Committee. Questi Comitati, attualmente creati in 79 Paesi a democrazia evoluta, hanno una struttura propria nel rispetto dello statuto internazionale Pen club italiano Onlus con il compito specifico di intercedere presso i Governi interessati affinché vengano migliorate le condizioni di vita degli scrittori e giornalisti sottoposti a pene detentive, persecuzioni e torture.
I Writers in Prison Committee svolgono la loro attività in stretto contatto con la Presidenza Internazionale di Londra, aderendo a varie iniziative che vanno dall’invio di lettere di sostegno agli scrittori e famigliari fino all’inoltro di petizioni ai Capi di Stato e alla “adozione” di scrittori perseguitati.
I Comitati vengono informati delle azioni in corso tramite la divulgazione di comunicati via internet chiamati R.A.N. – Rapid Action Network.
Come atto finale dell’attività svolta durante l’anno, i singoli Centri Pen club italiano Onlus possono presentare ai Congressi mondiali delle risoluzioni, che vengono discusse durante l’assemblea dei delegati, per essere successivamente inoltrate presso i Governi accusati di violazioni di diritti umani.
Parallelamente ai Congressi Mondiali annuali e itineranti, la Presidenza Internazionale del Writers in Prison Committee organizza un proprio Congresso nel corso del quale vengono discusse le problematiche specifiche suddivise per area geografica. Alla conclusione dei lavori è stilata la relazione finale del Presidente, che viene inviata a tutti i 145 Centri Pen club italiano Onlus dei vari Paesi.
Come attività di sostegno divulgativo alle azioni intraprese dalla Presidenza Internazionale viene stampato il foglio informativo “CENTRE to CENTRE”, contenente in breve le iniziative più significative e brevi interviste a scrittori perseguitati.
Ultimo e significativo documento emesso dalla Presidenza Internazionale del Writers in Prison Committee è la pubblicazione semestrale del “CASELIST” (Libro dei Casi), fascicolo in cui vengono elencati nei dettagli tutti i casi di persecuzione, limitazione della libertà individuale, censura, tortura e omicidio avvenuti negli ultimi sei mesi.
Tutta la documentazione in questione è infine inviata per posta elettronica alle singole Segreterie Pen club italiano Onlus
L’obiettivo finale resta la sospensione delle torture, un miglior trattamento degli scrittori imprigionati e la liberazione degli scrittori detenuti per reati d’opinione.

CATTEDRA DEI DIRITTI UMANI DELLO SCRITTORE

Il Pen club italiano Onlus, sulla base delle finalità previste dallo Statuto internazionale, promuove la creazione di una “Cattedra dei diritti umani dello scrittore”.
La “Cattedra” ha come intento la promozione di conferenze annuali sul tema della Libertà d’espressione e della tutela dei Diritti Umani per gli scrittori perseguitati.
Responsabile della “Cattedra” è il Presidente del Pen club italiano Onlus, mentre al Segretario generale è domandata l’organizzazione delle conferenze in stretta collaborazione con il Presidente e i Coordinatori periferici.

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE

Le conferenze vengono programmate periodicamente e con frequenza annuale dai Responsabili delle sedi periferiche del Pen club italiano Onlus, ai quali è affidata l’organizzazione locale, in collaborazione con il Presidente, il Segretario generale, la Presidenza internazionale e gli altri centri Pen club italiano Onlus

ARGOMENTI TRATTATI

Gli argomenti previsti dalla “Cattedra” devono avere come tematica:
1. Libertà d’espressione
2. Tutela dei diritti umani per gli scrittori perseguitati
3. Relazioni e rapporti internazionali in materia di D.U.

RELATORI

Il relatori vengono scelti tra:
1. Membri del Direttivo internazionale (HQ)
2. Presidenti centri Pen club italiano Onlus
3. Scrittori o giornalisti perseguitati
4. Docenti universitari in discipline giuridiche

La “Cattedra dei diritti umani” si avvale della collaborazione di Università italiane e straniere. Le conferenze sono pubblicizzate sul sito web del Pen club italiano Onlus.
Pen club italiano Onlus
CF. 97085640155
Via Daverio, 7 - 20122 Milano ITALIA
Tel: 335.7350966
E-mail: segreteria@penclub.it

Presidente onorario: Lucio Lami - Presidente: Sebastiano Grasso
Vice presidente: Marina Giaveri - Segretario generale: Giorgio Mannacio
Tesoriere: Rayna Castoldi

Powered by Coriweb s.r.l. & XSeo